mercoledì 3 giugno 2015

Black Russian Cocktail


Categoria : After Dinner

Mise en place : Bicchiere Old-Fashioned,Ghiaccio, Stir, Vodka, liquore al Caffè.

In cl
5 cl di Vodka
2 cl di Liquore al Caffè 

In once
1 3/4 oz. di Vodka
3/4 oz. di Liquore al Caffè 

Vecchia ricetta from "Old Mr Boston de Luxe Official Bartenders Guide” by Leo Cotton - 1961
Black Russian
Pour:
1 1/2 oz. Old Mr Boston Vodka
3/4 oz. Kahlúa (Coffee Liqueur)
One ice cubes in Old-Fashione Cocktail glass.

Guarnizione : ///////

Tecnica di procedimento : (Build ove ice) si prepara direttamente nel bicchiere Old-Fashioned.

Procedimento : mettere il ghiaccio nel bicchiere e versare gli ingredienti. 

Nel secondo ricettario Iba del 1987 con la codifica :
Black Russian
An old fashioned glass
full of ice
3/10 Coffee liqueur
7/10 Vodka
Build over ice

Nel terzo ricettario Iba del 1993 con la codifica : 
Black Russian
7/10 Vodka
3/10 Liquore al caffè (Kahlua)
Si prepara direttamente in un bicchiere a
old fashioned colmo di ghiaccio.

Nel quarto ricettario Iba del 2004 (categoria After -dinner) con la codifica :
Black Russian
5 cl Vodka
2 cl Coffee Liqueur (Kahlua)
Method : Build over ice
Glass : Old Fashioned
White Russian - stir in 3 cl fresh cream

Nel quinto ricettario Iba del 2012 (categoria - Contemporary Classics) con la codifica :
BLACK RUSSIAN 
After Dinner Cocktail
5 cl Vodka
2 cl Coffee liqueur
Pour the ingredients into the old fashioned-glass filled with ice cubes. Stir gently.
Note: for White Russian, float fresh cream on the top and stir gently.

Storia
La semplicità è forse una delle caratteristiche dei classici del bere miscelato.
Negroni, Daiquiri per fare alcuni nomi di drinks che come numero di ingredienti non superano una quantità eccessiva di elementi.
Esistono inoltre, drinks che nascono con una composizione fatta esclusivamente da due ingredienti e questo è il caso del “Black Russian”, un mix nato dalla inventiva di un Barman.

Se una delle tante qualità del Barman è la creatività; poter vedere una propria creazione nell’ Olimpo dei classici del bere miscelato è senz’altro una delle più grandi soddisfazioni; questo è il caso di Gustav Tops; Il “Volto del Black Russian”.

Barman, fu il presidente dell’ BLBU (Associazione Belgio-Lussemburgo dei Barmen) per poi essere, una volta che il Belgio si stacco dalla precedente associazione; il primo presidente della “UBB” (Union des Barmen de Belgique) nel 1961, anno di fondazione.


http://www.t.fbsk.info/en/398
http://www.bar-ubb.be/page-d-exemple/history-of-ubb/


Il “Black Russian” fu creato, data fatta risalire nel 1949, per mano di Gustav Tops, barman in quei anni all’ Hotel Metropole di Bruxelles; in omaggio all’Ambasciatrice Statunitense in visita ufficiale in Europa, Pearl Mesta.


Il successo arrivo sopratutto all’inizio degli anni ’60; entrando successivamente nel secondo ricettario Iba del 1987 e rimanendoci tutt’oggi nel quinto ricettario Iba del 2012.


Timeline
1958 - From “Menu by Hotel Pierre Marques” June 19, 1958



1960 - From “The Southeast Missourian” - 7 giu 1960



1961 - From “Old Mr Boston De Luxe Official Bartenders Guide” by Leo Cotton



1971 - From “Playboy Bartenders Guide by Thomas Mario



1971 - From “The Bartenders Standard Manual” by by Fred Powell



1979 - From “Seagrams Complete Party Guide” by Sylvia Schur



1981 - From “Michael Jacksons pocket bar book” by Michael Jacksons


mercoledì 27 maggio 2015

B & B Cocktail


Categoria : After Dinner

Mise en place : Bicchiere Ballon, Ghiaccio, Stir, Bénèdictine, Brandy.

In parti
5/10 di Bénèdictine
5/10 di Brandy

In cl
4,5 cl di Bénèdictine
4,5 cl di Brandy

In once
1 1/2 oz. di Bénèdictine
1 1/2 oz. di Brandy

Vecchia ricetta from “The How and When” by Hyman Gale and Gerald F. Marco (Marco Abe) - 1937
B And B Cocktail
1/2 Bénèdictine
1/2 Cognac Brandy
Serve in Pony Glass

Guarnizione : ////

Tecnica di procedimento : (Build ove ice) si prepara direttamente nel bicchiere.

Procedimento : versare gli ingredienti nel bicchiere, mescolare e servire. 

Nel secondo ricettario Iba del 1987 con la codifica :
B and B
Snifer
5/10 Bénèdictine
5/10 Brandy

Storia
Due ingredienti dalle stesse proporzioni per il “B & B Cocktail”; Brandy e Bénèdictine.
La leggenda ci racconta che il drink in questione sia stato creato per mano di un barman del “21”, famoso locale in Broadway in New York nei primi anni 30 del ventesimo secolo.
L’enorme successo, porto l’azienda produttrice del Bénèdictine, nel 1938 a produrre il mix già imbottigliato; purtroppo il risultato di questa intuitiva creazione non ebbe un esito positivo.

Da alcune mie ricerche ho potuto trovare un interessante traccia del 1930, più precisamente nel ricettario di William “Cocktail” Boothby, “Cocktail Bill Boothby's World Drinks And How To Mix Them”.


Benedictine-Brandy
Benedictine  1/4 Jigger
Cognac  1/4 Jigger
Pour Benedictine into pony glass without ice, float cognac over and serve with ice-water chaser.

Timeline
1930 - From “Cocktail Bill Boothby's World Drinks And How To Mix Them” by William “Cocktail” Boothby




1937 - From “The How and When” by Hyman Gale and Gerald F. Marco (Marco Abe)



1937 - From “Cafe Royal Cocktail Book” by William J. Tarling 




1944 - From “The standard cocktail guide” by Crosby Gaige



1946 - From “The Stock Club Bar Book” by Lucius Beebe



1947 - From “Bartender's Guide” by Trader Vic



1948 - From “The Fine Art of Mixing Drinks” By David Augustus Embury



1953 - From “The American drink book” By S. S. Field



1972 - From “Trader Vic's bartender's guide, revised” by Trader Vic. 



1981 - From “Michael Jacksons pocket bar book” by Michael Jacksons